0276_110_anni_FMI.jpg

"Quella di sabato sera è stata una serata magica e piena di forti emozioni", ci racconta il titolare dell'azienda New Camper, Cristian Comastri, premiato al Celebrativo dei 110 anni della Federazione Motociclistica Italiana. "Sono enormemente grato a FMI e Feder Moto per questa onorificenza. Mai nella vita avrei pensato di raggiungere un traguardo come questo e ottenere un premio di tale rilevanza."
L'evento, che si è svolto nel Palazzo dei Congressi di Riccione, ha visto il meglio del motociclismo italiano, fra piloti e Moto Club accreditati, radunarsi in favore di una grande passione. Alla serata hanno partecipato anche Silvia Salis (Vice Presidente Vicario CONI), Renata Tosi (Sindaco di Riccione) e Erika Stefani (Ministro per le disabilità), la quale ha omaggiato i Campioni del Mondo Junior prima della premiazione. Il tutto è stato poi "condito" dal fenomenale intrattenimento del comico e presentatore Max Giusti, molto applaudito dalla platea, anche lui appassionato di moto. Ospiti d'onore della serata, Valentino Rossi e Antonio Cairoli, hanno regalato emozioni sul palco e trasmesso a tutti il loro amore per la moto. I due che rivestono il ruolo di grandi personaggi italiani riconosciuti in tutto il mondo, le cui carriere sono state fantastiche, hanno segnato la storia dello sport e lo hanno fatto con grande umiltà.
"Incontrare grandi campioni come Cairoli e Rossi", ci racconta Comastri, "è stata la ciliegina sulla torta di una serata indimenticabile. Nel mondo delle due ruote la passione che lega tutti i piloti è quasi palpabile ed essere insieme ad un evento del genere ne è la dimostrazione."
Questo sport regala adrenalina e senso di libertà ad un livello davvero alto. Entrare in questo mondo, significa lasciarsi travolgere da un vero e proprio stile di vita, una filosofia a 360°. Richiede un grande impegno e tanti sacrifici, per questo la New Camper è orgogliosa della meta raggiunta dal suo titolare.
"Voglio ringraziare il Presidente FMI Giovanni Copioli, il mio team Nrg, i miei sponsor, la mia famiglia e tutte le persone che in un modo o nell'altro hanno contribuito a farmi raggiungere questo obiettivo. Mai nella vita, con tanto orgoglio, avrei pensato di ricevere un premio così ambito," conclude Comastri.